IT’S CLOUDY.



                                      

Nite Clubberz




Il mondo della musica elettronica si è evoluto molto nel corso del tempo e si porta dietro un grande bagaglio contro-culturale. È ancora possibile parlare del club come di uno spazio di ribellione/alternativo? Ho cercato la mia risposta a Milano, che è e continua a diventare un punto di riferimento sempre più importante per la scena europea ed internazionale. La mia risposta si cela nella notte, che mette a nudo la spontaneità; perché è di questo che parliamo: possiamo ancora essere noi stessi nel club, nessuno ci giudica, nessuno pretende. Non c’è ribellione più grande se non quella di sentirci liberi di essere noi stessi.

Nella mia selezione di immagini scattate al Tempio del Futuro Perduto e durante l’edizione 2018 presso il Teatro Principe di Club to Club, cerco di catturare gli attimi più autentici che si rivelano di notte.

Electronic music world has evolved a lot over time and carries with it a greatcounter-cultural baggage. You can still talk about the club as a space of rebellion/alternative? I looked for my answer in Milan, which is and continues to become a point ofincreasingly important reference for the European and international scene. My answer hidesIn the night, which lays bare spontaneity; for it is of this that we speak: we can stillbeing ourselves in the club, nobody's judging us, nobody's pretending. There is no greater rebellion ifnot feel free to be ourselves. In my selection of images taken at the Temple of the Lost Future and during 2018 editionat the Prince of Club to Club Theatre, I try to capture the most authentic moments that turn out to benight.